Settimana Europea della Mobilità Sostenibile – Gita alla Certosa

Ecco il Resoconto del nostro BiciNauta Sandro

Giunti a Milano col treno siamo stati accompagnati sul naviglio grande dall’instancabile Luca (presidente RiCiclO ndr),  che ci ha aspettato nonostante il turno di lavoro notturno, per poi salutarci una volta giunti al Corsico. Abbiamo percorso il canale fino a Gaggiano per poi immetterci nella ciclabile “le vie dell’acqua” che attraversa il parco sud Milano congiungendo il naviglio grande con il naviglio pavese.
Emozionante passare tra le risaie, in questa stagione asciutte dall’acqua, ma colorate da fantastici contrasti, e tra le rogge, dove rane saltavano in un’acqua inverosimilmente limpida, appena macchiata qua e la da lenti d’acqua e saggitarie, per arrivare al Lago del Boscaccio, oasi recuperata da una vecchia cava di sabbia, dove riposano i migratori e nidifica una vastissima varietà di esseri alati. Colpo d’occhio favoloso tra i campi!
E le cascine, devo dire ristrutturate con buon gusto, tali da inserirsi nel paesaggio senza offenderlo. Abbiamo poi imboccato il naviglio pavese, pedalando in scioltezza e soffermandoci ad ammirare gli angoli più suggestivi, e arrivati alla certosa di Pavia non abbiam potuto fare altro che godere delle sue inestimabili bellezze, accompagnati da un frate che illustrava spiegandoci l’opera e la sua storia.
Ed è senza ombra di dubbio la bicicletta, il mezzo, che più s’addice ad attraversare tali piaceri per tutti i nostri sensi. Accarezzando le strade con discrezione e trasportando i nostri corpi, liberandogli la mente o se volete l’animo, per far meglio apprezzare le sensazioni che ci aggrediscono durante tali esperienze.


Mario, Sandro, Marilena, Luciana, Virginio, appunto pochi ma buoni… ah dimenticavo, non ci è certo mancato il tempo per stappare una bottiglia, di barbera della provincia di Pavia logicamente.
Note dolenti, le solite difficoltà a trasportare le bici col treno, scalini delle porte alti, che rendono difficile l’accesso al vagone, mancanza di segnalazioni, e barriere architettoniche (scale dei sottopassi) che a pensarci bene non rende difficile il muoversi in stazione solo a chi va in bici.

Prossimo appuntamento per il 12/10/2008. Partenza h.8.00 “le colline del Monferrato”, visita alle cantine,
(in bici pochi km circa 15) Formula furgone + bici, pranzo in agriturismo; dall’aperitivo… antipasto. al
caffè/ammazzacaffè, dolce……ecc, vino compreso (tutto quello che si riesce a mangiare e a bere) € 25,00
(possibile menù vegetariano) occorre prenotare entro e non oltre il 07/10/2008, versando caparra di € 10 a
Sandro 3357364158 (in caso di pioggia si fa ugualmente ma senza bici. Trasporto bici gratuito ritorno
previsto h.21.00, 21.30.

Annunci

1 Commento

Archiviato in eventi, gite, resoconto

Una risposta a “Settimana Europea della Mobilità Sostenibile – Gita alla Certosa

  1. riciclo

    La bici qui sopra non è solo bellissima, ma anche tecnologica: la scatola di legno, dotata di altoparlante ben visibile, è un dispositivo antifurto sonoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...